Telefono CEFI
Mail: assistenza@cefi.it

CEFI Community
Commenti e Recensioni dei Nostri Allievi


Argomenti News
dalla tabella potete scegliere il tema degli argomenti trattati.

Download

Formazione Cefi

Cefi Box

Aggiungi le Cefi -News alle pagine del Tuo Sito.

GRATIS
il codice da aggiungere


“Summit” č la tecnologia al servizio della salute


Il supercomputer che IBM ha messo a disposizione per la ricerca sul Corona Virus


 
 
Quando la tecnologia è al servizio della salute arriva Summit, il supercomputer di IBM.
 
L’azienda statunitense leader nel settore informatico ha messo a disposizione le tecnologie al servizio di scienza e ricerca sul Coronavirus, fornendo al laboratorio dell’Oak Ridge National Lab del Tennesee un calcolatore molto speciale.
 
L’Oak Ridge National Laboratory (ORNL) è un laboratorio di scienza e tecnologia gestito dal governo degli Stati Uniti. Per gli scienziati è dunque un luogo dove mettere in atto le proprie ricerche e gli studi sperimentali sulle nuove tecnologie (soprattutto la produzione di isotopi, dato l’impegno nella protezione e recupero ambientale).
 
Summit rientra nella categoria dei supercomputer proprio per la notevole potenza di calcolo che può offrire: 200 petaflop, cioè 200 milioni di miliardi i calcoli al secondo. Aveva già “lavorato” per il governo in occasione di ricerche sulle origini dell’universo e missioni spaziali.
 
 
 
 
 
Summit adesso sarà d’aiuto agli scienziati per studiare le reazioni che i composti hanno a contatto col virus, e date le levate prestazioni di calcolo, il supercomputer ha già garantito 8mila composti in pochi giorni. Lo studio sarà utile ai ricercatori per identificare la capacità del virus Covid-19 di infettare le cellule umane, e ovviamente trovare una soluzione all’aggressività del virus stesso.
 
Gli studiosi hanno già individuato 77 composti che potrebbero ridurre la capacità del virus di infettare l’essere umano grazie al lavoro supportato dal supercomputer. La ricerca, dunque procede con l’aiuto della tecnologia, e , anche se sicuramente ci vorrà molto tempo per isolare il virus di Wuhan, IBM è fiduciosa nelle potenzialità della macchina.
 
 
Notizia pubblicata in data : 11 Marzo 2020