Telefono CEFI
Mail: assistenza@cefi.it

CEFI Community
Commenti e Recensioni dei Nostri Allievi


Argomenti News
dalla tabella potete scegliere il tema degli argomenti trattati.

Download

Formazione Cefi

Cefi Box

Aggiungi le Cefi -News alle pagine del Tuo Sito.

GRATIS
il codice da aggiungere


Che cos’è Google Stadia?


Prossima all’arrivo online la nuova piattaforma di Google sul futuro mondo dei videogames: arriva il Cloud Gaming, il sistema streaming che, come è già successo per musica, film e serie tv, ci porterà a cambiare il modo con cui usiamo i videogames.


Se sei un appassionato di serie tv sicuramente conoscerei e userai Netflix, la piattaforma di streaming per film, documentari e tv Series.
 
Se non puoi fare a meno della musica quando studi, lavori, viaggi o svolgi una qualsiasi altra attività, avrai sicuramente installato Spotify sul tuo smartphone per non restare mai un minuto senza un accompagnamento musicale.
 
…Ecco, se sei un appassionato di videogames, invece, non potrai fare a meno di Stadia per accedere a tutti i giochi di cui Google darà l’accesso online.
Stadia, questa “nuova” piattaforma streaming di videogames, prossima all’arrivo, sta già facendo parlare di sé.
 
Basata su Cloud, Stadia è la piattaforma di gioco online alla quale si può accedere ovunque.
 
Se non si è più costretti a possedere una consolle di gioco, né a svolgere nessuna installazione o download… si tratta forse di una rivoluzione nel mondo dei videogames?
 
Il mercato (e Google Stadia) si stanno muovendo sempre più verso l’immaterialità e il cloud rendendo obsolete così in fretta le ultime tecnologie?
Le consolle fisiche diventeranno obsolete ora che si fa strada il Cloud Gaming?
 
Tutte le risposte a queste domande staranno nell’efficacia con la quale Google saprà realizzare il servizio, perché dovrà concentrarsi sulla qualità del gioco - visto che sarà possibile usufruirne online anche tramite mobile (su cui non sempre la copertura di rete può essere sufficiente)- e sul cloud, quindi su server terzi, su cui si baserà.
Sarà fondamentale dunque garantire una ottima prestazione a livello di qualità della definizione e soprattutto fluidità di gioco (nessuno vuole interrompere l’entusiasmo del gioco con azioni che si bloccano o che evolvono in maniera scattosa). Per Google si tratta di un’impresa impegnativa, ma magari ha più possibilità di riuscire a raggiungerla rispetto ad altri che hanno fallito.
Sicuramente saranno d’estremo aiuto i partner commerciali scelti: Ubisoft rientra tra le collaborazioni che Google ha intrapreso per dar vita al progetto, insieme anche a Unreal Engine, Unity, AMD e Havok.
Come si accede a Stadia?
Si può entrare a far parte di Stadia con una semplice iscrizione. Si potrà poi scegliere tra un abbonamento “Stadia Pro” ad un prezzo di 9,99 euro, oppure mantenere l’accesso gratuito ma con ridotte prestazioni di qualità video e audio (che non sembrano comunque essere così scarse per la totale gratuità del servizio) e senza la possibilità di poter acquistare alcuni giochi a cui hanno accesso solo i profili Pro.
 
Cosa prevede l’abbonamento a Stadia?
 
Importante capire che non si tratterà banalmente dello streaming dei videogiochi: l’abbonamento non prevede l’accesso indistinto ad ogni gioco, esso dovrà dunque essere acquistato separatamente.
 
Come già anticipato l’idea di fondo di Stadia non è una novità: sarà importante solo che Google la realizzi al meglio.
Se l’azienda compirà efficacemente il progetto, a cambiare sarà soprattutto il modo in cui intendiamo il gaming online. Hanno già avuto lo stesso effetto piattaforme di streaming per la Musica (Spotify) o per i film e le serie tv (vedi Netflix).
Nel caso di Stadia terminerà la fisicità sia nel possesso delle consolle, che nell’acquisto dei giochi. Non ci saranno più i giochi fisici da portare a casa e scartare velocemente per la voglia di iniziare a giocare, e non ci sarà più il negozio fisico dove andare a prenotare e prende l’ultima novità.
Unico accessorio che Google ha creato per poter usufruire di Stadia è il controller, connesso col Google Assistant tramite il microfono integrato.
Per il resto ci aspettiamo grandi emozioni da questo nuova entrata in casa Google perché di certo il colosso Mountain View non mancherà dal regalarci sorprese.
Notizia pubblicata in data : 11 Luglio 2019