Telefono CEFI
Mail: assistenza@cefi.it

CEFI Community
Commenti e Recensioni dei Nostri Allievi


Argomenti News
dalla tabella potete scegliere il tema degli argomenti trattati.

Download

Formazione Cefi

Cefi Box

Aggiungi le Cefi -News alle pagine del Tuo Sito.

GRATIS
il codice da aggiungere


Google costruisce prototipo dell'auto che si guida da sola


Senza sterzo n pedali, pronta ad affrontare le strade cittadine.


Google è al lavoro da tempo su un'auto che si guidi da sola; finora, però, i suoi esperimenti si basavano su delle normali Prius, modificate in base alle esigenze.

Ora l'azienda di Mountain View ha realizzato un prototipo completamente nuovo, a partire da zero, e non l'ha dotato di volante, pedali, specchietti o di tutte quelle apparecchiature che servirebbero a un guidatore umano.

L'idea è che se un'auto deve guidarsi da sola, ed essa è completamente affidabile, tutto ciò è un inutile retaggio del passato: molto meglio eliminarlo e lasciare più spazio ai passeggeri.

Quanto a spazio, il prototipo non è particolarmente dotato; ma si tratta, per l'appunto, di un prototipo.

Il risultato del lavoro è un piccolo veicolo che arriva al massimo a 25 miglia orarie (40 km/h) e ha un aspetto arrotondato, che non lo farebbe sfigurare in un cartone animato.

La velocità è stata limitata per motivi di sicurezza, prima preoccupazione di Google. I veicoli infatti sono dotati di sensori che eliminano i punti ciechi e possono rilevare oggetti in tutte le direzioni a centinaia di metri di distanza, un fattore particolarmente utile su strade trafficate con tanti incroci.

Per quanto riguarda l'apparenza, Chris Urmson (il direttore del progetto Seld-Driving Car di Google) ha spiegato: «Volevamo che fosse amichevole. Abbiamo pensato a che cosa avrebbe fatto sentire la gente a proprio agio. All'estremo opposto possiamo immaginare un SUV nero coi finestrini oscurati: ecco, questo non è amichevole».

Google afferma di aver adoperato materiali morbidi e vetri flessibili per ridurre i danni ai passeggeri nel malaugurato caso di un incidente.

L'intenzione del gigante americano non è vendere direttamente i veicoli, ma trovare partner per portarli sul mercato: per esempio, Uber potrebbe essere un ottimo "collega" per sviluppare un servizio vantaggioso per entrambe le aziende. Per il momento comunque Google prevede di costruire un centinaio di prototipi e, nel corso dell'estate, gli autisti inizieranno a testare le versioni iniziali di questi veicoli.

D'altra parte, Google si dice convinta che presto le leggi cambieranno e permetterano a veicoli completamente autonomi di viaggiare per le strade, e non vuole farsi trovare impreparata.

Link all'articolo originale: http://www.zeusnews.it/n.php?c=21705

Notizia pubblicata in data : 05 Settembre 2014