Telefono CEFI
Mail: assistenza@cefi.it

CEFI Community
Commenti e Recensioni dei Nostri Allievi


Argomenti News
dalla tabella potete scegliere il tema degli argomenti trattati.

Download

Formazione Cefi

Cefi Box

Aggiungi le Cefi -News alle pagine del Tuo Sito.

GRATIS
il codice da aggiungere


Memopal diffonde il Backup Online


La presentazione avverrà a Omat 2008


Memopal presenterà a Omat 2008 a Milano il Backup Online, un innovativo sistema per il salvataggio, l'organizzazione e la condivisione dei file online. Questo nuovo sistema permetterà di archiviare i file in modo semplice, automatico e sopratutto sicuro. Marco Trombetti, amministratore delegato di Memopal Italia presenterà il nuovo progetto con un intervento dal titolo: "Online backup: i nuovi strumenti per la protezione dei dati digitali”. Il backup online è il nuovo strumento a disposizione di utenti consumer e business in Italia e nel mondo. Questo sistema prevede l’archiviazione di qualsiasi tipo di dato su server remoto tramite connessione Internet sicura. I vantaggi sono molteplici: i file sono trasferiti ed archiviati in modo sicuro (cifratura a 448 bit: uguale o superiore a quella delle banche), sono fisicamente in luoghi diversi da quelli in cui si trovano gli originali e si dispone di un grande spazio di archiviazione (l’offerta di base è di 250 Gigabyte) che può essere aumentato facilmente aggiornando il proprio profilo utente. E’ possibile accedere ai propri dati, con credenziali riservate, da qualsiasi postazione connessa ad Internet. Omat è dal 1990 l‘evento di riferimento in Italia nel settore della gestione elettronica di documenti, contenuti e processi aziendali. Un appuntamento che coinvolge tutti coloro che intendono apprendere come organizzare al meglio il flusso di informazioni della propria azienda e cogliere i vantaggi in termini di efficienza e competitività che la gestione elettronica porta con sé. Negli ultimi 10 anni, nel mondo, la produzione di contenuti digitali è aumentata in modo esponenziale, consolidando il trend della UGC generation – User Generated Content – iniziato a metà degli anni ’90. Gli studi parlano di una crescita sempre maggiore dei dati generati, fino ad arrivare a miliardi di Gigabyte: dai 12 Esabyte (miliardi di miliardi di byte) prodotti nel 2002, ai 161 Esabyte del 2006, ai 988 che si prevede lo saranno nel 2010. La sfida del secolo, quindi, è quella di riuscire a gestire e conservare tutte queste informazioni. Il backup online sembra essere la soluzione a questo problema, grazie al costo sempre più basso della connettività e dell’hardware di archiviazione; all’estrema semplicità e alla comodità del servizio. Negli Stati Uniti il fenomeno ha già raggiunto dimensioni elevate. I primi due player sono Mozy (www.mozy.com) e Carbonite (www.carbonite.com). Anche i “Big” sono, di fatto, entrati nel mercato del backup online. Amazon ha creato il proprio servizio “S3” e Google ha intenzione di lanciare G-Drive, una sorta di estensione online del proprio hard-disk. Anche Microsoft e Sky stanno tentando di accaparrarsi una fetta di mercato dello storage online offrendo servizi simili: il primo con OneCare (www.onecare.com) ed il secondo con Sky Store&Share (http://storeandshare.sky.com/ ). In Italia Memopal ( www.memopal.com ) è leader nella diffusione della cultura del backup online. Qualsiasi dato viene protetto, al riparo da guasti, malfunzionamenti, furti o da cancellazione dovuta a errore umano. Il “sistema Memopal”, grazie alla tecnologia RAID 5 geografica che consente il salvataggio dei dati in triplice copia (in tre diversi continenti), è in grado di far sopravvivere i file anche a una catastrofe naturale. Il Memopal Global File System (MGFS), la tecnologia di storage usata da Memopal, permette di avere accesso ad una soluzione di storage multi-utente, un avanzato motore di ricerca dei propri file ed un sistema di Content Collaboration System di ultimissima generazione. Memopal ha recentemente depositato un algoritmo proprietario che permette la “compressione logica” dei files da archiviare. In altri termini il software, memorizza solo “le differenze” dei file condividendo le parti uguali già salvate. Fonte: TgCom.itNotizia pubblicata in data :